5€ in più oggi, 50€ in meno domani (o forse anche 500)!

Scarica il bollettino Insieme del 5 luglio

Sono sicuro che tutti siamo stati scossi dalla scoperta della banda “Canova regna” e del giro di droga che alimentava, e soprattutto ci stupisce la disponibilità di denaro da parte di
giovanissimi (qualcuno spendeva anche 500 euro a settimana).
La prima domanda che salta in testa è dove lo trovavano tanto denaro quei minorenni? Domanda che se ne tira dietro tante altre…
Alla fine ci si chiede: come si può prevenire, come educare i ragazzi a evitare queste cose?
E rifletto sulla tradizione cristiana che ha sempre insistito sul valore educativo della generosità-solidarietà: insegnare a condividere anche il proprio denaro fin da piccoli, è una specie di buon vaccino per evitare spese superflue o addirittura dannose da grandi: in altre parole: dai 5 euro al povero oggi ed eviterai di darne 50 o 500 allo spacciatore domani…
Così ci si prepara a diventare persone che danno il proprio aiuto alla povera gente invece che alle mafie dello spaccio.
La tradizione cristiana, ripeto, l’ha sempre proposto come un ottimo metodo educativo. L’unica difficoltà di questo metodo potrebbe essere il fatto che oggi sembrano farsi sempre più rari i genitori che lo praticano loro per primi e di conseguenza sono in
grado di insegnarlo. O no?
Un caro saluto.

don Gianni.

Hashtag vescovile

Scarica il bollettino Insieme del 28 giugno

Della lettera del vescovo la prima cosa che mi colpisce è il titolo, e il modo in cui è scritto, che riprende la forma dei messaggi sui social: #noirestiamovulnerabili. Si chiama hashtag (lo dico per chi, come me, non usa Facebook, twitter e compagnia bella).
È una costatazione, ma anche, voglio pensare, un programma.
L’ho associato, per contrasto, a una pubblicità che sento alla radio di una qualche vettura: l’imbonitore si rivolge al cliente a bassa voce, per non essere sentito, mentre parla di limitazioni e di prudenza, dalle sue vetture che mordono il freno, tutte smaniose di tornare all’avventura per mostrare la loro potenza…
Pubblicità intelligente e centrata, perché richiama in modo pittoresco un atteggiamento: quello di chi desidera cancellare l’esperienza di questi mesi, per tornare a vivere come prima, anzi più di prima.
Un atteggiamento opposto a quello di chi confessa “che restiamo vulnerabili”.
Può piacere o non piacere, ma questo è un messaggio di una spiritualità profonda, di una umiltà evangelica che non ripudia la debolezza, ma la accetta come parte integrante dell’essere umano, da affrontare e da superare, se possibile, con serenità, senza vergogna, in se stessi e soprattutto nel prossimo. Non sono perfetto, e questa dovrebbe essere una consapevolezza che mi aiuta a voler più bene alla gente e alle sue debolezze.
Un caro saluto.

don Gianni.

Slogan da concretizzare

Scarica il bollettino Insieme del 21 giugno

Oggi mi lascio “suggestionare”, o meglio “ispirare” da don Cristiano, che nell’inserto di Vita Trentina, riprende uno degli slogan di moda nei mesi scorsi: “Nulla sarà più come prima”.
E si chiede: “In che cosa? In che modo noi, la realtà che ci circonda, la società, non saremo più come prima?” E conclude confessando di non avere una risposta da dare: bisogna aspettare e vedere…
Ed io aggiungerei: aspettare e darsi da fare affinché possiamo essere sul serio un po’ diversi da come eravamo, possibilmente migliori. Perché non è detto che il cambiamento ci sarà
automaticamente, e sarà in meglio.
Se cambiamento ci sarà, sarà perché lo costruiamo noi e sarà come lo costruiamo noi.
Nella società e nella chiesa. È il momento di prenderci sul serio, di non lasciare spegnere quelle fiammelle che questo periodo, per tanti versi di sofferenza, ha acceso in noi; è il momento di concretizzare quelle intuizioni, di mantenere quello
sguardo un po’ più limpido e non lasciare che tutto ritorni al grigiore consueto, facendoci dire con rimpianto: “credevo che… e
invece…”.
Un caro saluto.

don Gianni.

Un figlio felice non vi sarebbe piaciuto?

Scarica il bollettino Insieme del 2 giugno

Pare sia stata questa la domanda che S. Filippo Neri abbia rivolto a un padre che si lamentava della fragilità di suo figlio: “Volevo un figlio che fosse forte e fiero come lo sono stato io e come lo è stato mio padre prima di me… e invece…”.
E davanti allo sconcerto di quel papà di fronte alla sua domanda, il santo abbia proseguito dicendo: “Felice di amare e di essere amato nel modo in cui Dio lo chiamava a fare”.
Nella sua semplicità la sottolineatura di ‘Pippo buono’ fa centro. Di fronte a tante nostre elucubrazioni e ambizioni varie, l’importante nella vita, anzi l’essenziale, non sono tante
cose (ma questo in teoria lo sappiamo tutti e lo diciamo tutti… ma solo in teoria, però), quanto la capacità di
rispondere alla chiamata all’amore che ci viene dal Signore.
La festa del Corpus Domini ci richiama proprio a questo.
A ‘perdere’ la nostra vita per il Signore e per il suo vangelo, come Lui l’ha persa per noi, e così ‘salvarla’ cioè, come si direbbe oggi, ‘realizzarla’ nel migliore dei modi.
Un caro saluto.

don Gianni.

Il bene è bene

Scarica il bollettino Insieme del 7 giugno


L’ha detto il nostro vescovo nell’omelia di domenica scorsa, festa di Pentecoste. Rivolgendosi alla chiesa trentina, con un’esortazione accorata che sa anche un po’ di rimprovero.
Don Lauro ha raccomandato a noi credenti di non essere gelosi del bene, quasi fosse nostro monopolio, di non cullarci nell’illusione di essere i soli a compiere gesti di carità, di non aver paura del bene che abita al di fuori dei nostri confini.
Come i primi discepoli che se ne stavano rinchiusi per paura dei Giudei, anche la nostra chiesa oggi fa i conti con la paura, davanti al diminuire del numero dei fedeli, e il crescere delle persone indifferenti o addirittura ostili.
Anche su questa chiesa timorosa scende la ricchezza dello Spirito Santo, che ci chiama alla fiducia, ad affrontare le difficoltà che ci stanno davanti senza perderci d’animo e
soprattutto senza lasciarci tentare da conflittualità e risentimenti.
Torna spesso il nostro vescovo su questo tasto della conflittualità all’interno delle nostre comunità: lo sente evidentemente come un tasto dolente della nostra vita cristiana.
Esagera? Forse no!
Un caro saluto.

don Gianni.

Globalizzazione: unico mercato o unica famiglia?

Scarica il bollettino Insieme del 31 maggio

Globalizzazione è un termine molto usato al giorno d’oggi, in campo sociale e soprattutto in campo economico.
Sembra che globalizzazione significhi soprattutto il fatto che i più “svegli” (o i più furbetti, i più spregiudicati, se volete) possono fare guadagni in tutto il mondo. Questo vale naturalmente per i più ricchi, che si vedono diventare, quasi automaticamente, sempre più ricchi, anche in tempi difficili, anzi, soprattutto in tempi difficili… coronavirus docet.
Noi, che crediamo in Gesù, cerchiamo di far crescere un altro tipo di globalizzazione: quella che ci viene suggerita dalla festa di Pentecoste, quella cioè che cerca di vedere nell’umanità non un unico mercato, ma un’unica famiglia, dove il verbo più importante non è ‘guadagnare’ ma ‘condividere’, dove il criterio di successo di un’esistenza non è l’ostentazione, ma la relazione.
Una globalizzazione promossa dallo Spirito Santo che supera le barriere e le differenze fra i popoli, fra le culture, fra gli individui.
Noi lo preghiamo perché doni a noi e a tutti gli uomini la capacità e il gusto di parlare un unico linguaggio.
Un caro saluto.

don Gianni.

Io sono con voi tutti i giorni fino alla fine del mondo.

Scarica il bollettino Insieme del 24 maggio
Noi ci crediamo, magari a fatica certe volte, che il Signore Gesù sia con noi tutti i giorni, anche in questi nostri giorni, nonostante tutto.
E cerchiamo di vivere con coerenza questa nostra convinzione: con il sobrio ottimismo di chi affronta o per lo meno si sforza di affrontare i problemi con realismo, sapendo che la soluzione esiste, per quanto ingarbugliata e talvolta difficile da
trovare.
Con la pacatezza di chi non si meraviglia e non si scandalizza delle debolezze proprie o degli altri, e torna costantemente a ridare fiducia a se stesso e al prossimo.
Con la serenità di chi crede che il bene genera bene, anche se non viene visto, pubblicizzato e applaudito, anzi tanto più quanto meno è visto, pubblicizzato e applaudito.
Con la fede in Gesù risorto e con la paziente impazienza di chi attende il suo ritorno.
E senza stupirci se rischiamo di essere, da credenti, fra i pochi che riescono a custodire ed alimentare la speranza in un mondo che sembra perdere ogni speranza.
Un caro saluto.

don Gianni.

E se stessimo diventando tutti più cattivi?

Scarica il bollettino Insieme del 17 maggio

Ogni tanto, lo confesso, mi assale un attacco di pessimismo! Oltre al pessimismo purtroppo innegabile riguardo alla situazione economica che tinge a fosche tinte il futuro di tanti lavoratori, mi prende anche un altro pessimismo, sul resto delle cose.
Molti dicono che questa pandemia avrà anche degli aspetti positivi sulla nostra vita sociale, ridurrà la nostra superbia, le nostre manie di efficienza, ci renderà più sensibili ai veri valori della vita…
Io ci spero, ma a volte mi assale il timore che non sia vero niente, che invece stiamo diventando più egoisti, più meschini, che la situazione risvegli il peggio che c’è in noi e lo faccia venire a galla in manifestazioni talvolta ridicole, talvolta preoccupanti; e che la parte migliore del nostro animo finisca sotto i tacchi… E rischio di perdere fiducia e speranza.
Ma poi sento Gesù che dice: “non temete, non vi lascerò orfani”.
E penso “meno male”. E tiro un respiro di sollievo.
Un caro saluto.

don Gianni.

Di figlio in padre

Scarica il bollettino Insieme del 10 maggio

La fede, si diceva “sti ani”, si trasmette di padre in figlio. E questo è avvenuto per generazioni. Oggi sembra talvolta che avvenga l’esatto contrario: sembra siano l’ateismo, o per lo meno l’indifferenza religiosa, che si trasmettono dai figli ai genitori. Certi atteggiamenti e certe convinzioni, diciamo così, superficiali, della mentalità corrente premono e talvolta si impongono, attraverso i figli, nelle famiglie, complice un certo disorientamento dei genitori, una loro malcomprensione, forse, del loro ruolo educativo.
Si parla così di una società, la nostra, “senza padri”. Poveri genitori!! Anche questa ci voleva: un’altra accusa sul
groppone; si vedono colpevolizzati di tutti i mali e le disfunzioni della nostra società.
Resta invece la realtà delle famiglie, che sono una delle poche cose a “tenere”, nonostante difficoltà e “povertà” in questa società così strana. Papa Francesco dice che i genitori meritano tutti il premio Nobel… e in questi tempi di coronavirus appare ancora più evidente.
Una pacca sulle spalle e una carezza a mamme e papà, e buon coraggio.
Un caro saluto.

don Gianni.